BENVENUTO AL SITO DEL FANCLUB UFFICIALE IN ITALIA. UN PUNTO D´INCONTRO PER TUTTI I FANS DI ALEJANDRO FERNÁNDEZ. I REGISTRATI POSSONO PARTECIPARE, SCAMBIARE IDEE, POSTARE FOTOGRAFIE, ARTICOLI, NOTIZIE D´ATTUALITÀ...TUTTO QUELLO CHE VOLETE SU L' ARTISTA

 
CAMPAGNA NASTRO ROSA

 

 
 
 

Alejandro Fernandez
TWITTER FANCLUB ITALIA

TWITTER FANCLUB SPAGNA

TWITTER FANCLUB AUSTRIA

                Registra il tuo sito nei motori di ricerca

 http://www.wikio.it/ Search Engines Blogs - Blog Catalog Blog Directory

Upnews.it Il Bloggatore webso
eXplicatum - Aggregatore online di Notizie / Blog / Flussi RSS  Yourpage live news aggregator
 
 
 
 

Alejandro%20Fernandez
Quantcast

Non sei connesso Connettiti o registrati

CONOSCE ALEJANDRO FERNÁNDEZ - BIOGRAFIA

Andare in basso  Messaggio [Pagina 1 di 1]

1 CONOSCE ALEJANDRO FERNÁNDEZ - BIOGRAFIA il Mar Gen 13, 2009 1:19 am

ILRÈ


BIOGRAFIA



Nato a Città del Messico il 24 aprile 1971, Alejandro Fernández è l'ultimo dei tre figli di Vicente Fernández, una delle leggende viventi della musica mariachi e del Messico. Ha respirato musica e arte sin da bambino: ha esordito come cantante sul palcoscenico, durante uno spettacolo di suo padre, cantando la canzone Alejandra, ma l'emozione fu tale che per anni non è più riuscito a parlare in pubblico.

Cresciuto nel ranch che Vicente Fernández possiede nei pressi di Guadalajara e chiamato Los Tres Potrillos (I tre puledrini) in onore dei suoi tre figli, Alejandro si è dedicato sin dall'adolescenza alla cura della proprietà, ricavandone un grande amore per la natura, un rapporto di grande complicità con i cavalli e una grande disciplina appresa con la responsabilità della gestione del lavoro altrui. Intorno ai 18 anni, già fidanzato con América Guitan, impegnato nella cura del ranch e deciso a studiare Architettura per dare ai genitori la soddisfazione di un figlio laureato, il cammino di Alejandro Fernández sembrava tracciato. Ma la passione per la musica, sempre latente, avrebbe di lì a poco cambiato tutti i piani.



Nel 1991 incide il suo primo disco, intitolato semplicemente Alejandro Fernández e dedicato alle rancheras, le canzoni del Messico più popolare ed autentico di cui Alejandro, seguendo i passi di suo padre Vicente, è considerato l'ultimo erede. Il successo è immediato. I fans e la stampa lo chiamano El Potrillo de México (Il puledrino del Messico), dal nome del ranch paterno. E il soprannome non dispiace al cantante, che arriva a cantare una canzone, El Potrillo se va, dedicata alla sua particolare condizione di figlio di una leggenda vivente della cultura messicana e al suo desiderio di conquistare l'affetto del pubblico.

I dischi seguenti, Piel de niña, Que seas feliz, Grandes éxitos a la manera de Alejandro Fernández, lo lanciano alla fama come il più interessante e il più dotato tra i giovani cantanti della musica mariachi. Nel giro di pochi anni l'ultimogenito di don Chente vende milioni di dischi e diventa una delle star più richieste dei palenques, le strutture tipicamente messicane in cui, durante le ferie, si esibiscono i cantanti della musica popolare. Grandes éxitos, in cui interpreta i più grandi successi della musica latinoamericana, gli apre le porte dei Paesi vicini e dimostra le sfumature della sua voce potente.

La sua musica, orgogliosamente messicana, scala le classifiche e raggiunge la popolarità riservata generalmente alle ballate romantiche. Como quien pierde una estrella, dall'album Que seas muy feliz (1995), si ascolta nei luoghi di ritrovo giovanile e nelle radio, come un qualsiasi hit pop e rende Alejandro popolare in tutto il mondo latino, USA compresi. Nel 1996 arriva Muy dentro de mi corazón, con cui ottiene il doppio disco di platino in Messico a poche settimane dall'uscita. Poco dopo incide la canzone ufficiale dei Giochi Olimpici di Atlanta.



Ma la musica mariachi non basta all'inquieto Alejandro e il 1997 è il suo anno. Lui e América, già genitori del piccolo Alejandro, aspettano due gemelle, le piccole América e Camila, a cui il cantante dedica il nuovo disco, Me estoy enamorando. E' il disco della svolta: Alejandro incide per la prima volta, sotto la guida di Emilio Estefan jr, che produce il disco, canzoni di taglio pop. E' un pop di grande impatto, un'intelligente e furba mescola di suoni romantici e contemporanei con la tradizione dei mariachi e dell'immancabile bolero, che proprio in quegli stessi anni Luis Miguel ha resuscitato dall'oblio.

Alejandro ama dire della sua musica: "Sono un cantante romantico, con un tocco di messicano. La nostra musica è molto regionale, a tutti piace il mariachi, ma solo per le feste. Porti una canzone in Argentina o in Spagna perché la programmino e non sanno dove metterla. E' questa la cosa interessante delle fusioni che cerchiamo di fare, una ballata pop che suoni messicana". Si tu supieras e En el jardín, cantata in duetto con Gloria Estéban, le due canzoni hit del disco sono state consecutivamente numero 1 nelle classifiche latine di Billboard.

Dopo i trionfi nella musica pop Alejandro dà prova della sua versatilità incidendo Mi verdad (1998), con cui torna alla musica mariachi, e, soprattutto, Christmas in Viena (1999), in cui canta in spagnolo e in inglese le canzoni della tradizione natalizia, accanto a Plácido Domingo e Patricia Kaas.



Mentre la sua vita professionale procede di trionfo in trionfo, il suo privato si divide tra fallimenti e nuove speranze: chiuso il matrimonio con América, Alejandro si lega a Ximena Díaz, conosciuta in un palenque colombiano. Con lei si trasferisce a San Antonio: il drammatico sequestro di suo fratello Vicente convince infatti la sua famiglia a lasciare il Messico e a ricostruire la propria vita in Texas. Ma il trasferimento dura poco e tutti ritornano in Messico, decisi a vivere la propria vita nella propria terra. Alejandro e Ximena si stabiliscono a Guadalajara, a pochi km di distanza dal ranch in cui il cantante è cresciuto; lei è già incinta del piccolo Emiliano.

Nel 2000 esce l'ottavo disco di Alejandro, di nuovo pop, di nuovo di taglio romantico, ancora una volta con gli echi messicani che non vuole tradire. Si intitola Entre tus brazos, è prodotto da Emilio Estéfan jr e ha in Quiéreme il suo principale successo. Orígenes, il suo disco seguente, di nuovo mariachi, ottiene due dischi di platino negli USA, un disco di platino in Messico, un disco d'oro in America Centrale, Ecuador e Venezuela. Negli anni seguenti Alejandro si dedica a una trionfale tournée accanto a suo padre Vicente, da cui viene tratto un doppio CD, Por última vez juntos.



Ximena gli dà nel 2002 la piccola Valentina. Con 5 figli a soli 31 anni il cantante fa scherzosamente sapere "di aver chiuso bottega" e circola da allora la voce di una sua vasectomia, su cui lui gioca senza mai confermare o smentire. E' un papà giovanissimo di prole numerosa e non sfugge ai suoi obblighi: "Anche se hanno madri diverse ho voluto che si sentissero solo fratelli, tra di loro sono molto legati, si vedono tutti i giorni. Sono la cosa più importante che ho e mi fanno stare con i piedi a terra. Hanno capito la mia professione e sanno che è fatta anche di assenze; all'inizio, soprattutto le gemelle, erano gelose, ma adesso no. Una volta al ristorante Camila si è rivolta al tavolo vicino e ha detto "Ma non avete visto con chi sto mangiando? è Alejandro Fernandez ed è mio padre!" Non sapevo dove nascondermi"



Nel 2004 arriva nelle sale messicane Zapata, el sueño del héroe, con cui Alejandro Fernández debutta nel cinema, per la regia di Alfonso Arau. "Sin da bambino ero interessato alla musica e al cinema. Quando mio padre girava un film io stavo dietro le scene e imparavo a memoria tutti i dialoghi; ho anche avuto piccole parti in 3 o 4 film" ha ricordato Fernández "Ho sempre avuto la curiosità di fare cinema, ma volevo fare qualcosa di valido, fatto bene. Arriva Arau e mi offre questo progetto. Ho letto la sceneggiatura e mi è sembrata interessante e originale perché non era solo una biografia, ma una ricostruzione della vita e della personalità di Zapata attraverso studi fatti a Morelos, dove per alcuni sciamani lui era una reincarnazione di divinità azteche". Alejandro si è preparato al debutto cinematografico per un anno, leggendo libri sul grande rivoluzionario messicano e imparando anche i primi rudimenti della lingua xy. Il film non ottiene il successo sperato: se la prova di attore del cantante supera l'esame, non così la sceneggiatura, fortemente criticata in Messico per le libertà che si prende sulla vita di uno degli eroi più amati.

Con A corazón abierto, il suo disco più personale, per sua stessa ammissione, ma anche più ambizioso, il fenomeno Alejandro Fernández esplode in Spagna. Il primo single, Me dediqué a perderte, si ascolta non solo nelle radio americane, ma, per la prima volta, anche in quelle spagnole. Tra gli altri imperdibili del disco Tengo ganas, Para vivir, Que lástima.

La promozione in Spagna è massacrante, ma Alejandro si sottopone con il buonumore abituale: "Ero abituato ad essere un divo e ho dovuto ricominciare tutto daccapo, spiegare chi sono, che musica faccio. E' stato molto interessante" ha detto. Visto l'incoraggiante successo (il disco è disco d'oro in Spagna e Argentina, triplo disco di platino in Messico e platino negli USA), Alejandro fa un solo concerto a Madrid, il 22 giugno 2005: i biglietti vanno esauriti nel giro di pochi giorni e il successo è sorprendente. Da quell'unico concerto trae il DVD México-Madrid en directo y sin escalas, che ottiene un grande successo sui due lati dell'Atlantico, grazie anche alle collaborazioni eccellenti con Amaia Montero, vocalist del popolare gruppo La Oreja de van Gogh, con cui Alejandro ha cantato Me dediqué a perderte, con Malú (Contigo aprendí), con Diego el Cigala, con cui ha cantato una travolgente versione flamenco-mariachi di Como quien pierde una estrella.



A Madrid lo accompagna la giovanissima Ayari, che presenta come la nuova fidanzata, dopo una serie di tira e molla.
Del resto lui l'ha detto una volta: "Se avere cura di sé, seguire la moda e stare attenti a cosa si indossa significa essere metrosessuali, sì, lo sono ma inanzitutto, sono un charro: alla tradizione del cantante mariachi, che è baffuto, panciuto, forte bevitore e donnaiolo, ho solo tolto il baffuto e panciuto".
Il 2005 è l'anno d'oro della sua carriera: non solo il primo passo per la conquista dell'Europa, con i successi spagnoli, ma anche il concerto dei Tre tenori a Monterrey accanto a Placido Domingo e José Carrera, in sostituzione di un Luciano Pavarotti malato, che gli fa ottenere notevoli riconoscimenti di critica; e poi la trionfale tournée negli USA con Chayanne e Marc Anthony, una delle più seguite dell'anno e chiamata i Tre Latinos, come i Tre Tenori nell'opera. People en español lo consacra tra i 50 uomini più sexy del mondo.

E, a chiudere l'anno, la stella nel Sunset Boulevard di Hollywood, che corona una carriera ricca di successi. Accanto a lui Plácido Domingo, i suoi 5 figli e i suoi genitori, Vicente e Maria, con cui ha voluto condividere il giorno di gloria.

Profondamente messicano anche nella concezione della famiglia, Alejandro Fernández riconosce di essere legatissimo ai genitori e ai fratelli: "Tutte le volte che è possibile alla domenica ci riuniamo nel ranch e mangiamo tutti insieme. Mi piace che i miei figli vivano questo ambiente familiare in cui sono cresciuto, che conoscano la natura e la gente della campagna, che è fedele, saggia e gentile e offre un'altra visione della vita." Di se stesso dice, senza falsa modestia: "Sono stato un buon figlio, sono un ottimo padre e sono una persona nobile".

Nel 2007 esce l´album "Viento a favor" che include un feet insieme a Beyoncé "Amor Gitano". Con questo lavoro, comincia nel 2008 un tour internazionale in Spagna, tutta LatinoAmerica e gli Stati Uniti che verrá a finire a Citá di Messico.
Nel 2008, comincia un tour internazionale in Spagna, tutta LatinoAmerica e gli Stati Uniti che verrá a finire a Messico.
Ha presso parte alla Ceremonia Inaugurale dello “XVIII Vertice Iberoamericano” a El Salvador, "Gioventú ed sviluppo" con una bellísima interpretazione del artista messicano di “El Carbonero” canzone molto rappresentativa di El Salvador, e “Granada” che è stata una portentosa esibizione in termini di qualità vocale e artistica.
Ancora non é finito il 2008 ma il suo nuovo lavoro "De noche: Clásicos a mi manera" é già uscito. Sedici "boleros" clasici di oggi e sempre, bellisime "balladas" che tutti abbiamo sentito qualche volta.
Alessandro Fernandez nel 2008 è stato l'artista latino che più biglietti è venduto, secondo le liste dei Top 100 Worldwide Tours da gennaio a settembre 2008, della rivista Pollstar, (sulla base dei biglietti venduti). Oltre che essere stato denominato "il Tour dell`anno" per la rivista People in Spagnolo Alessandro è stato anche recentemente nominato al Premio "Lo Nuestro", come l'artista maschile dell'anno.
Adesso nel 2009 il Puledrino porta il tour "Viento a Favor" nel suo Messico e lavora anche alla selezione dei branni per la sua nuova produzione discografica, prevista per il 2009, con la firma Universal Music.

CI SONO DEI BEI VENTI PER ALEJANDRO...

Preso della Wikipedia e aggiornato dal Se tu Sapessi Italia.
Sito Alejandro Fernández
http://www.alejandrofernandez.com/



Ultima modifica di ILRÈ il Dom Gen 18, 2009 6:25 pm, modificato 1 volta

2 Re: CONOSCE ALEJANDRO FERNÁNDEZ - BIOGRAFIA il Mar Gen 13, 2009 1:39 am

Alejandra

avatar
GRAZIEEEEEEEEEEE FABIO CHE TENERO IL SUO FRUGOLETT Razz O NELLA FOTO SOPRAAAAAAAAAAAA.......AVRà LO STESSO FONDOSCHIENA DEL PAPà??? Razz


_________________

3 Re: CONOSCE ALEJANDRO FERNÁNDEZ - BIOGRAFIA il Mar Gen 13, 2009 1:20 pm

potrillaitaliana

avatar
Razz Razz Razz Razz :Palejandra, troppo dificile essere cosi perfetto!
grazie fabio king

4 Re: CONOSCE ALEJANDRO FERNÁNDEZ - BIOGRAFIA il Mar Gen 13, 2009 7:50 pm

Daniella

avatar
GRAZIE king

5 Re: CONOSCE ALEJANDRO FERNÁNDEZ - BIOGRAFIA il Mar Gen 13, 2009 10:09 pm

ALESSANDRA FERNANDEZ

avatar
Admin
GRAZIE RAGAZZI Wink


_________________

"SE TU SAPESSI-ITALIA"
ALEJANDRO FERNÁNDEZ FANCLUB
setusapessitalia@libero.it
http://alejandrofernandezit.forumattivo.com

6 Re: CONOSCE ALEJANDRO FERNÁNDEZ - BIOGRAFIA il Mer Gen 14, 2009 6:07 pm

MOZZARELLA FERNANDEZ

avatar
Admin
IO VORREI CONOSCERLO PIU' IN PROFONDITA' Laughing
GRAZIE FABIO!

Contenuto sponsorizzato


Torna in alto  Messaggio [Pagina 1 di 1]

Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum